· 

Le confetture di Nonna Gabriella

Le nostre marmellate vengono sempre fatte con frutti che raccogliamo nella nostra azienda, in aziende di amici o sul territorio circostante cercando di  ottimizzare, trasformando in "dolcezze", quello che la natura ci offre in abbondanza. Adesso, per esempio, è il periodo del sambuco che espande nell'aria la sua fragranza annunciando che finalmente è arrivata primavera anche qui da noi in montagna. Con i suoi fiori prapariamo una squisita confettura che ci servirà per le crostate, le colazioni o anche per accompagnare i formaggi ovicaprini. Fra qualche mese, tutti i cespugli intorno ai campi saranno ricchi di more che raccoglieremo per altre "dolcezze"prelibate.

 

 

Prepariamo le nostre confetture come facevano le nostre nonne: lavorando piccole quantità di frutta (massimo 5 kg per volta a cui aggiungiamo zucchero possibilmente di canna) e, soprattutto, in momenti in cui la luna è propizia; si, perchè come per il vino, la fase lunare è importante anche per le marmellate.

Questo modo di procedere ci permette di ottenere, come le nostre nonne,  ogni volta un prodotto unico, simile ai precedenti, ma anche diverso, non appiattito in sapori sempre uguali

 

 

 

Le nostre, praticamente, sono le marmellate "della nonna"; quelle fatte col cuore, con tanta pazienza e tanto amore pensando al sorriso soddisfatto dei nipotini che le mangeranno.

Siamo profondamente convinti che il cibo preparato con amore e con "le mani" abbia un'energia ed una ricchezza vitale  completamente diversa da quello preparato da macchinari e in grandi quantità. Ed è per questo motivo che noi prepariamo in questo modo le nostre confetture.

 

Scrivi commento

Commenti: 0